Storia degli orecchini: un racconto ricco di curiosità e tradizioni - Rawsen Skip to main content
Rawsen - Storia degli orecchini

Storia degli orecchini: un racconto ricco di curiosità e tradizioni

Vi ricordate quando vi abbiamo parlato delle regole per scegliere l’orecchino adatto al proprio viso?

Bene, sulla scia dell’origine dei gioielli che ormai abbiamo intrapreso con entusiasmo, dopo la storia delle collane e quella degli anelli oggi è il turno della storia degli orecchini, un altro meraviglioso viaggio dalla Preistoria ad oggi. Pronti a partire?

L’età del bronzo, dove tutto ha avuto inizio

Come abbiamo avuto modo di vedere per anelli e collane, l’amore per gli accessori come decorazione e abbellimento del corpo è un concetto di cui troviamo prove sin dall’antichità. I primi ritrovamenti di orecchini infatti risalgono proprio all’età del Bronzo, la stessa che vede protagonista la comparsa di altri tipi di gioiello.

Benché al giorno d’oggi l’orecchino sia un gioiello indossato sia da uomini che da donne, nell’antico Egitto questo monile veniva utilizzato principalmente come ornamento maschile per indicare un elevato status sociale. Oro e argento venivano lavorati per formare dischi e catenelle di grande valore.

Solo nel periodo risalente all’antica Grecia l’orecchino diventa un oggetto di uso comune anche per i meno abbienti, sino a divenire un ornamento di uso e costume anche per le popolazioni nomadi.

Storia degli orecchini: il Medioevo, altro che secoli bui!

Contrariamente a quanto si è soliti dire, il Medioevo ha visto l’oreficeria e più in generale l’arte subire un’intensa evoluzione.

In questo periodo la storia degli orecchini e il relativo uso subisco una rapida trasformazione: gemme incastonate, perle, oro iniziarono infatti ad essere visti come ornamento prevalentemente femminile. I primi reperti storici di un certo rilievo risalgono al periodo dell’alto medioevo: a questi secoli risalgono grandiose composizioni artistiche ricche di pietre preziose e oro massiccio.

Dal Rinascimento all’età moderna: la storia degli orecchini nel suo momento di massimo splendore

L’usanza maschile di indossare un orecchino però non cadde completamente in disuso. Questo gioiello veniva indossato per sottolineare il coraggio in battaglia e l’appartenenza alla nobiltà. Basti pensare, tra i tanti, ai pirati. Soliti vestire un grande orecchino al lobo sinistro, i pirati indossavano gli orecchini per una duplice motivazione: l’orecchino li rendeva visibili in luoghi bui, sottocoperta durante le battaglie ad esempio, e fungevano da ricompensa per chi li avrebbe seppelliti se fossero morti oltremare.

Gli stessi marinai erano soliti indossare questo gioiello perché convinti che forando il lobo dell’orecchio avrebbero potuto vedere meglio e quindi ottenere con più probabilità l’incarico di vedetta.

Al contempo, a partire dal Rinascimento agli orecchini più vistosi tanto amati sin dall’antichità si sono affiancati modelli di più piccole dimensioni e punti luce. Con l’entrata dell’Età Moderna l’orecchino torna ad essere utilizzato in egual misura sia da uomini che da donne: basti pensare alle nobildonne alla corte dei Re di Francia o ai soldati napoleonici che avevano l’obbligo di indossare due orecchini di grandi dimensioni su entrambi i lobi per sottolineare la potenza del corpo militare.

Alla fine del Settecento datiamo anche a diffusione del diamante, destinato a rimanere un must per sempre.

Gli orecchini nell’Era Contemporanea

La storia degli orecchini giunta fino a noi è ricca di curiosità e tradizioni.

La passione per questo gioiello non è solo una questione di stile, ma racchiude in sé simboli e significati speciali. Pensiamo alle tribù dell’Africa centrale: le donne indossano orecchini molto vistosi simili a dilatatori quali simbolo di seduzione e femminilità. Non funge solo da ornamento però: l’orecchino, secondo le credenze locali, protegge le giovani ragazze dal male. Allo stesso modo gli orecchini in argento sono amatissimi nell’Islam, dove è credenza comune che questo materiale abbia un significato propiziatorio.

Gli orecchini oggi sono indossati in tutto il mondo: a cerchio, a goccia, pendenti, gli orecchini oggi vengono indossati da uomini e donne come ornamento per esaltare le particolarità del proprio corpo e dare luce al volto, destinati a rimanere ornamenti amati e desiderati da chiunque.

Orecchino in Argento Rawsen

 

 

La collezione di Rawsen è creata interamente in puro Argento 925 da abili orafi toscani per garantire una produzione curata nei singoli dettagli di qualità. Che ne pensate ad esempio di Eos? Di una semplicità e un’eleganza straordinari, non vi sembra?

Related News

La Giornata internazionale dei gatti firmata Rawsen

Rawsen - L'origine dei gioielli

L’origine dei gioielli: una storia senza tempo

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *